Categorie
noi due tassonomia sentimentale

Il Sigillo

Primo anniversario senza te

Lo temevo. Stanotte il cuore era una farfalla impazzita che fremeva nel mio petto e voleva uscire da quella gabbia per raggiungerti: 110 battiti non sono bastati per riuscire a fuggire, magari uno dei prossimi anni farà meglio e uscirò da questa commedia danzando al ritmo del mio cuore folle dal dolore, anelando di ricongiungersi al tuo.

Avrei voluto scrivere un post sorridente ricordando il nostro viaggio di nozze e il primo anniversario, ma non ci riesco… avrei voluto scrivere del mio dolore ma non posso ridurre in parole quello che sento: sarebbe come tentare di far entrare il mare in una buca.

Forse quando si placherà la tempesta, se mai si placherà, del distacco. Metà di me mi è stata strappata a forza e non so quando, e se, smetterà di sanguinare.

Ci sono cose che si possono comprendere solo vivendole: dice il Buddha che solo un altro Buddha può comprendere cosa sia l’Illuminazione. Vale anche per l’Amore, quello vero, quello incondizionato, quello che coinvolge ogni fibra del cuore, del corpo e dell’anima, e quando ti strappano l’essere amato ogni cellula urla e sanguina…ed è illusione pensare che questo possa finire, semplicemente perché l’Amore, quello vero, non finisce mai e travalica anche i limiti illusori che chiamiamo morte.

Smettetela di dirmi che non devo soffrire perché a lui fa male: lui sta bene, adesso. Sono io, qui, che attraverso l’inferno. E dirmi di non soffrire è inutile e senza senso, equivale a dirmi: smetti di respirare.

Il dolore degli altri fa paura, qualcuno fugge, quasi per tema di venirne contagiato. Oppure ci sgomenta e non sappiamo che dire. Eppure è semplice: non diciamo niente, perché non ci sono parole che possano consolare, se non quelle di chi vive lo stesso strazio. Solo l’empatia conforta un po’: un sorso d’acqua mentre viviamo in un inferno che comunque dobbiamo attraversare da soli.

PRIMO ANNIVERSARIO: tra poco ti faccio uno scherzo da prete: mi rimetto l’abito da sposa e ti invito a ballare il valzer
amore mio! ti amo anche se non sai danzare 🙂
te lo ricordi ancora il corso accelerato?…il mio orso! balli proprio come un orso 🙂

Mettimi come sigillo sul tuo cuore/come sigillo sul tuo braccio / perché forte come la morte è l’amore / tenace come il regno dei morti è la passione: le sue vampe sono vampe di fuoco, una fiamma divina! / Le grandi acque non possono spegnere l’amore né i fiumi travolgerlo. / Se uno desse tutte le ricchezze della sua casa in cambio dell’amore, non ne avrebbe che disprezzo. (dal Cantico dei Cantici della Bibbia)

43 anni fa

Sposi per sempre: ci siamo promessi l’uno all’altra per le prossime vite… è solo un intervallo.

…per ritrovare il sorriso, qui c’è il link al post che scrissi scrissi anni fa sul matrimonio: https://www.panoranima.it/gli-imperi-della-luna/rien-ne-va-plus/

Cyranaforever
Latest posts by Cyranaforever (see all)

Di Cyranaforever

"...io procedo e sono, in piena lucentezza, piuma di indipendenza, pennacchio di franchezza" (E.Rostand)
Cercavo la Via, ora sono in cammino.
Libertà di pensiero è il fil rouge di questa avventura umana, ma sicuramente lo sarà anche per le prossime.

9 risposte su “Il Sigillo”

UN GRIDO D AMORE CHE CONOSCO MOLTO BENE!!! URLI… FORTE.. FORTISSIMO… XCHE L ILLUSIONE CHE IL NS GRIDO D AMORE ARRIVI A ALL AMATO È IMMENSA…. MA FORSE NN È ILLUSIONE…. ARRIVA DAVVERO

lo so che lei lo conosce, Barbara…e può capire. Si che grido forte, e lui mi sente: ho messo nero su bianco tutte le sue manifestazioni, per non scordarne nessuna. Forse un giorno ci scriverò qualcosa, forse le terrò per me (ma condividere è un’apertura di vita che prima o poi aiuta qualcuno che ne ha bisogno). Grazie.

Barbara, non c’è commento che io possa scrivere. Ti voglio bene e mi dispiace immensamente essere lontana ( solo kilometricamente) da te ❤

ho letto la storia della tua vita sei speciale te e tuo marito la vita vi ha separati te devi andare avanti e lui ti guiderà è ti è sempre vicino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.