Categorie
autoriforma gli imperi della luna riflessioni

Distacco o Fuga?

Distaccarsi significa anche lasciar andare; a volte la mente ci inganna, travestendo da distacco il non dare peso e significato alle cose o il farlo con superficialità. A volte.

I monaci tibetani con infinita pazienza tracciano mandala usando sabbia e polveri colorate: lavoro paziente che richiede giorni. Dopo la preghiera e la meditazione, lo disfano e i disegni scompaiono, i colori si mischiano in una specie di arcobaleno; è un gesto simbolico che celebra l’importanza di apprendere la lezione del distacco e della caducità, della consistenza e realtà solo apparenti del mondo fenomenico.

I bambini in riva al mare costruiscono castelli di sabbia; ci mettono ore e molto impegno. Qualcuno guarda soddisfatto il risultato e prosegue il gioco inventando fantastiche situazioni che ruotano intorno al castello, poi lo abbandonano, lasciando che la pioggia e la marea restituiscano la sabbia alla battigia; ma ci sono anche quelli che dopo averlo rimirato ci saltano sopra e lo distruggono. E’ interessante osservare l’espressione dispettosa di quei piccoli vandali e la violenza che esprimono. Si pensa sempre ai bambini come ad esseri innocenti e privi di malizia e cattiveria; in realtà, raramente gli adulti sono crudeli come sanno esserlo i bambini e non si tratta di un germe che potrà germogliare più o meno rigoglioso: si tratta di una pianta già sviluppata, che l’evoluzione individuale potrà accrescere, o al contrario ridurre, forse uccidere. La natura innata dell’uomo è buona e cattiva ad un tempo, come due facce della medesima medaglia: tutti noi possiamo essere indifferentemente Teresa di Calcutta o Hitler, dipende da noi, da quale pianta vogliamo coltivare nel giardino dell’anima, ma non esiste una vittoria definitiva.

Ci sono elementi del nostro bambino interiore che vanno assolutamente tenuti vivi: è importante conservare l’aspetto ludico, ma altri dovrebbero scomparire con la maturità, come quello di non saper analizzare in profondità le cose di questo mondo per comprenderne la valenza mistica e i messaggi che anche la più piccola, insignificante cosa può trasmettere. Così a volte si crede di aver appreso il distacco praticato dai monaci, mentre invece si sta solo lasciando spazio a quella parte infantile di noi che non vuole diventare adulta.

Quando con leggerezza diamo un colpo di spugna, dovremmo fare una cernita di ciò che scartiamo ed essere certi che non stiamo rinnegando qualcosa di noi, della nostra vita, del nostro vissuto, che invece ha un significato che non abbiamo saputo cogliere; dovremmo essere imparziali, lucidi e severi con i trucchi della mente, nel giudicare la nostra azione: siamo davvero come quei monaci? o siamo quei bambini in riva al mare che distruggono con i piedi il loro bel castello?

Cyranaforever
Latest posts by Cyranaforever (see all)

Di Cyranaforever

"...io procedo e sono, in piena lucentezza, piuma di indipendenza, pennacchio di franchezza" (E.Rostand)
Cercavo la Via, ora sono in cammino.
Libertà di pensiero è il fil rouge di questa avventura umana, ma sicuramente lo sarà anche per le prossime.

2 risposte su “Distacco o Fuga?”

Heilà! già di prima mattina? Una riflessione come questa, o ti blocca il piacere nel sorbire il primo caffè della giornata….oppure ti costringe ( e tutto accade in un lampo…senza bisogno di “ponzarci” troppo…) a chiederti tu, cosa sia o sia diventato: Monaco Buddisa o fanciullo? Beh! da vent’anni io mi dichiaro buddista, ma solo perchè nella mia lunga e faticosa ricerca di risposte che non riuscivo ad ottenere mai, ho alfine trovato una filosofia che non giudica, ne’ condanna, ne’ premia nulla e nessuno. Infatti come del resto hai già concluso tu, ogniuno di noi, a seconda che si accetti o meno nelle sue scelte ed idee, è il solo giudice di se stesso e non esiste -secondo me – giudice più terribile ed intransigente di noi stessi. Ecco perchè ogni tanto, come hai fatto tu, coraggiosamente guardi dentro te stessa, ed accetti, sia ciò che ti piaccia e sia che NON ti piaccia! Brava! Hai ancora una volta colto nel segno!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.