Categorie
era mio padre il bel tenore il magazzino dei ricordi il mestiere di vivere

Mio Padre, che eroe!

Scritto per un padre

e dedicato a tutti i padri

Questo post lo scrivo proprio per te, L., e lo dedico a tutti i padri, soprattutto a quelli che devono svolgere anche il ruolo di madre: una sfida che sei in grado di raccogliere.

Hai scritto un tweet che mi è arrivato dritto al cuore ed è esploso. Ti ringrazio di avermi permesso di pubblicarlo:

Ci sono giorni di pioggia che devono venire. E lunghe ore fredde di ghiaccio, di neve e di silenzio. Ci sono le mie braccia. Larghe, possenti e inutili, che conservano la memoria di forma del tuo corpo. Nella solitudine non c’è salvezza. Vieni, nel silenzio di notti profonde.

Quelle tue braccia saranno il rifugio sicuro per tua figlia, per tutta la sua vita, anche se adesso non ci pensi davvero perché il dolore per la perdita del tuo Amore occupa tanto spazio.

Domenica mattina, mentre mi concedevo di poltrire un po’, pensavo a quella tua splendida poesia che gronda dolore e dal cuore ha iniziato a scorrere un fiume in piena che mi ha spinto ad alzarmi e a buttare giù appunti per questo post. Schegge di memoria sul mio papà che questa volta condivido con te, sperando che ti aiutino a reggere il cuore che pesa per l’assenza.

Categorie
era mio padre il bel tenore il magazzino dei ricordi il mestiere di vivere

Lezioni d’amore

“Era mio padre”

Papà aveva un caratteraccio (che io ho ereditato, smussandolo da adulta con l’autoriforma, effetto collaterale della pratica buddhista).

A volte lo avresti ucciso, a volte lo avresti ammazzato di coccole. A Milano, di uno come lui, dicono “o mazàll o tegnìll”, o ammazzarlo o tenerlo com’è…e noi ce lo tenevamo: era un’adorabile canaglia e un irresistibile mascalzone, a volte aveva un sorriso da men’impippo “che neanche Clark Gable”…

Verso i 13 anni iniziò ad essere seriamente preoccupato, di fronte alla figlia che iniziava a sbocciare; succede a tutti i padri, ma in lui il fenomeno era decisamente virulento.

Categorie
albero buco il mestiere di vivere ricordi di guerra

Il Maialino di Tisìn

(dove si narra del coraggio di due vecchi che salvano una casa e tante persone )

Si era in tanti, in quella grande casa colonica che ospitava alla meglio famiglie intere, fuggite dai bombardamenti della cittadina vicina, a pochi chilometri da Bologna, attraversata dalla via Emilia e sulla quale il fronte, che risaliva in disfatta, si accaniva da mesi. Ci si chiamava quasi tutti con lo stesso cognome dei padroni di casa, parenti più o meno vicini e rifugiati lì, nella grande casa isolata in mezzo ai campi.

Nonostante i “grandi” non parlassero mai davanti a noi bambini della guerra, sapevamo, immaginavamo che qualcosa di terribile e pericoloso stava accadendo, specialmente quando gli stormi degli aerei passavano sopra di noi, producendo, man mano che si avvicinavano, un lugubre rombo assordante. Confusamente capivamo che stavano portando morte e distruzione da qualche parte, quando avrebbero sganciato il loro carico di bombe.

Categorie
albero buco il magazzino dei ricordi il mestiere di vivere

Al Tajadel(i) d’la Pina

Storia di come un piatto di tagliatelle può salvarti la vita

Entra…è pronto, Andrea…siediti intanto!”

Ed eccola, la mia mamma mentre arriva dalla cucina, con la grande zuppiera in mano colma di profumate e golose tagliatelle “alla bolognese”, fatte proprio secondo la ricetta originale (Artusi Docet)!

Le ha preparate lei, stamane, mattarello e tagliere, e così tanta amorevole gioia!

Mammamiamammamia….Giuseppina…quante me ne hai date!…”

macché troppe…alla tua età…non credo proprio che ne avanzerai!”

In casa mia la preparazione delle “tagliatelle” è sempre stata una cosa seria! Al giorno d’oggi ci sono macchinette che s’usano per prepararle…(no comment!) ma non posso scordare la mia nonna “Tisin” mentre impastava, davanti alla grande madia, sulla quale lavorava, rivoltava e sbatteva la bella pasta gialla di uova fresche di giornata, appena raccolte nel pollaio, delle sue galline così preziose ed amate!

Categorie
gli imperi della luna il mestiere di vivere

Padri e madri superstar

Lezioni sul mestiere di vivere – Saggezza in pillole


Due grandi a confronto: uno famoso e una no,
ma non per questo meno grande

Quello famoso:
Ancora qui, Laerte? a bordo, a bordo, vergogna! Il vento siede sulla spalla della vostra vela e per voi s’attende. Ecco la mia benedizione a te! E vedi d’imprimere questi pochi precetti nella tua memoria. Non dar voce ai tuoi pensieri, né la tua azione ad alcun pensiero smisurato. Sii tu familiare, ma per nessun conto volgare; quegli amici che tu hai, e di cui hai provato l’adozione, agganciali alla tua anima con uncini d’acciaio, ma non t’intorpidire la palma intrattenendo ogni implume camerata col guscio in capo.